Roberta Mori

Il 26 maggio #scriviMori per una Europa gentile

Written By: robertamori - Apr• 24•19

Roberta Mori - Europee 2019

Fare politica è pensare e agire per migliorare le cose, battersi per dare a tutti e a tutte maggiori diritti nella chiarezza delle responsabilità. È con questo spirito, che mi ha animato durante gli anni in Regione e prima ancora da Sindaca e militante, che accolgo la sfida che mi ha lanciato la Direzione Nazionale candidandomi per il Partito Democratico alle Elezioni Europee del prossimo 26 maggio. Sono candidata nella circoscrizione Nord Est che comprende Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige. Una competizione impegnativa che mi riempie di entusiasmo e responsabilità. Consapevole, da reggiana, della forza e determinazione di cui siamo capaci. Insieme.

 

Sono grata per la fiducia che mi è stata concessa e di poter essere utile alla causa europea, perché l’unica alternativa all’Europa è una Europa migliore. Una Europa che per il mondo sia il luogo dove i diritti sociali e civili delle persone siano rispettati e garantiti, dove l’impegno per l’ambiente diventi cifra distintiva della qualità della vita, dove la convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne sia attuata concretamente da ogni Stato membro, una Europa gentile… Farò come sempre del mio meglio ringraziando fin d’ora chi vorrà partecipare a questa straordinaria opportunità. Ed ora si parte, #scriviMori!

Diritti Lgbt, firmato il protocollo operativo

Written By: robertamori - Apr• 23•19

(Sala del Tricolore, 19 aprile) Il Comune di Reggio Emilia aderisce dal 2013 alla Rete RE.A.DY (pubbliche amministrazioni antidiscriminazioni determinate da orientamento sessuale e identità di genere) ed è impegnato nel favorire l’affermazione dei diritti civili e sociali e nel contrastare comportamenti che possono pregiudicare l’esercizio delle libertà fondamentali. In collaborazione con l’Associazione Arcigay Gioconda ha posto attenzione ai diritti delle persone omosessuali e transessuali LGBT attivando un tavolo di lavoro/confronto permanente con altri soggetti, per elaborare specifici piani di intervento e strategie condivise. Coordinato da Margherita Graglia, psicologa, psicoterapeuta e formatrice esperta sui temi dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere, il Tavolo è stato formalizzato il 17 maggio 2017 attraverso la sottoscrizione di un primo Protocollo d’Intesa. Mantenendo fede all’impegno assunto, il Comune ha proseguito questo lavoro di squadra sino alla firma del Protocollo Operativo per il contrasto all’omotransnegatività e per l’inclusione delle persone Lgbt.

Sempre determinante l’impegno istituzionale e politico dell’assessora Natalia Maramotti. A sottoscrivere decine di impegni specifici di inclusione e lotta agli stereotipi volti a garantire che il pregiudizio non emargini nessuno, sono stati: Istituzione Scuole e Nidi dell’Infanzia e Ufficio scolastico di Reggio Emilia, Università degli studi UNIMORE, Azienda USL-IRCCS, Tribunale, Procura della Repubblica, Istituti Penali– C.C. C.R., Provincia di Reggio Emilia, Fondazione per lo Sport, Fondazione Mondinsieme e Arcigay Gioconda. Il presidente di Arcigay Gioconda Alberto Nicolini, parlando anche a nome di associazioni Lgbt dell’Emilia-Romagna, ha ringraziato e invitato tutti alla responsabilità per arrivare ad estendere questi interventi e collaborazioni agli altri territori. Come è giusto che sia.

Dai diritti umani al turismo, i lavori in Aula

Written By: robertamori - Apr• 18•19

(Bologna, 16-17 aprile) Tra gli atti che abbiamo approvato in Assemblea segnalo due Risoluzioni del PD che condannano violazioni dei diritti umani nel mondo e sollecitano la Regione a prendere posizione presso il governo italiano e le sedi europee, al contempo rafforzando l’azione educativa con e nelle Scuole sul tema del rispetto dell’inviolabilità e dignità della Persona. Un atto chiede l’immediata revoca delle norme introdotte di recente dal sultanato del Brunei, che prevedono la pena di morte in caso di adulterio, apostasia e omosessualità e che introducono come pena per il furto punizioni quali l’amputazione di mani e piedi. Votata all’unanimità, poi, la Risoluzione che chiede alla Regione di unirsi alla mobilitazione mondiale per sospendere la pena a trentotto anni di carcere e 148 frustate inflitta a Nasrin Sotoudeh, avvocata iraniana per i diritti umani. Una sentenza emessa, tra l’altro, in un processo sostenuto in sua assenza, che colpisce in modo aberrante e pretestuoso il suo coraggioso impegno. Ricordo che Nasrin Sotoudeh, vincitrice del Premio europeo Sacharov per la libertà di pensiero, ha sempre rappresentato attivisti dell’opposizione, politici iraniani detenuti, donne e giovani condannati a morte.

Segnalo anche l’approvazione della Legge regionale che istituisce e regola una nuova struttura turistica, il Condhotel, che accanto alle camere classiche metterà sul mercato una quota di spazi da destinare a unità abitative private per le vacanze. Si tratta di formula innovativa “mista”, già condivisa con i Comuni e con le associazioni di categoria che, oltre ad ampliare l’offerta a disposizione degli ospiti, vincola gli imprenditori a reinvestire le somme percepite dalle vendite o dagli affitti in interventi di riqualificazione di questo particolare tipo di hotel. La legge non solo contiene regole e requisiti specifici per avviare e gestire la nuova tipologia di struttura, ma si propone di riqualificare e migliorare la qualità delle strutture ricettive per incrementare ancora i 60 milioni di presenze registrate l’anno scorso in Emilia-Romagna.

Cittadinanza e partecipazione senza confini

Written By: robertamori - Apr• 16•19

(Parma, 14 aprile) Dobbiamo partecipare e far partecipare la cittadinanza in modo attivo alla vita dell’Europa, che rappresenta una garanzia per gli equilibri mondiali, avvicinandola ai territori. E per riuscirci due azioni sono prioritarie: far conoscere l’Europa autentica nei suoi punti forti, nei suoi valori fondativi, nelle sue enormi potenzialità di sviluppo, sicurezza e tutela dei diritti; cambiare l’Europa in quei farraginosi meccanismi del potere che non rispondono più alle esigenze democratiche e ai bisogni sociali delle Comunità. Ringrazio di cuore la segretaria del Circolo PD Oltretorrente di Parma Gabriella Corsaro, l’amica Emma Iovino, tutti e tutte le iscritte e partecipanti, per avermi accolto all’iniziativa organizzata per la loro Festa del Tesseramento. Sono intervenuti l’On. Andrea Orlando, la collega in Regione Barbara Lori, il segretario dell’Unione Michele Vanolli, il capogruppo PD in Comune Lorenzo Lavagetto.

Di Unione e istituzioni che debbono rappresentare in modo inedito gli interessi della cittadinanza europea, del coacervo di forze sovraniste e oscurantiste, incompetenti e populisti allo sbaraglio che sta minando la solidità economica e la coesione del Paese, degli strumenti del buon governo a livello territoriale, abbiamo diffusamente parlato nell’incontro. Partendo dall’assunto che senza un Partito Democratico e un centrosinistra autorevoli per programma politico come in virtù delle persone che lo rappresentano, non potremo offrire quelle politiche di equità e di investimento per il lavoro che la fase attuale richiede con urgenza, in Italia e nell’Unione. Questa è la grande responsabilità che sentiamo nel nostro impegno di ogni giorno, a tutti i livelli istituzionali, candidati o meno.