Roberta Mori

A scuola con i media, tutele per i minori sul web

Written By: robertamori - Ott• 12•17

(Bologna, 11 ottobre) La presidente del Corecom Giovanna Cosenza ha illustrato in commissione Parità e Diritti delle Persone attività, compiti e risultati ottenuti nell’ultimo anno da questo importante organo di livello regionale che svolge funzioni delegate dall’Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni). Rilevanti le sue funzioni di garanzia per cittadini e imprese nella risoluzione di controversie con i gestori dei servizi di telecomunicazioni; il Corecom controlla poi l’applicazione della par condicio, vigila sui sondaggi e sulla ricezione di Rai3 Emilia Romagna, e vigila sull’uso di internet da parte dei minori. Proprio questa è l’attività che più sta a cuore alla presidente Cosenza ed interessa la Commissione. Sulla base del protocollo d’intesa con l’Ufficio scolastico regionale per l’uso consapevole delle nuove tecnologie e prevenire il cyberbullismo, al progetto A SCUOLA CON I MEDIA – laboratori e incontri di educazione al web e social network – hanno già partecipato 145 classi, 3mila ragazzi e ragazze in 18 istituti della regione.

Abbiamo convenuto di sostenere attivamente e ampliare la platea di questo progetto educativo. Per il resto la Relazione Corecom evidenzia come dal 2005 al 2016 le conciliazioni e l’adozione di provvedimenti temporanei siano aumentate moltissimo: da 109 le istanze sono arrivate a 6.214. I principali motivi di controversie sono spese e fatturazioni non giustificate, la mancata fornitura del servizio e la sua interruzione o sospensione. Al primo posto dei gestori coinvolti c’è Telecom Italia, a seguire Vodafone e Wind, al quarto posto Fastweb. La Commissione Parità ha poi ascoltato il presidente della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, Gian Luigi Molinari,

sulle attività in programma: in occasione della riunione annuale aperta a tutti i consultori italiani ed esteri che si terrà dal 6 all’8 novembre in provincia di Parma, si decideranno i progetti culturali e di ricerca su cui puntare nei mesi a venire; fra i temi avrà una particolare attenzione l’emigrazione femminile, che la Consulta porterà alla conferenza d’area in nord America, prevista per la primavera del 2018.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Rispondi