Roberta Mori

Montagna. Più garanzie per la maternità.

Written By: robertamori - Mar• 27•18

(Bologna, 26 marzo) La vicenda della donna incinta in condizioni critiche che, come hanno riportato le cronache reggiane, è stata portata dalla frazione di Gatta alla pista dell’elisoccorso di Castelnovo Monti senza però trovare l’elicottero che la trasportasse velocemente all’Arcispedale di Reggio Emilia, ha riaperto ferite e allarmi tra gli abitanti dell’Appennino. Per questo ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale, chiedendo le dinamiche precise dell’episodio e quali eventuali “iniziative intenda assumere per rendere ancora più appropriato nelle zone montane il servizio di assistenza in emergenza alle donne in gravidanza e partorienti”. Ho rilevato che il protocollo Ausl valido per questi casi, in particolare dopo la chiusura del Punto nascita all’ospedale Sant’Anna di Castelnovo Monti e la sospensione del servizio di guardia ginecologica h24, prevede la messa a disposizione 24 ore su 24 di un mezzo dell’elisoccorso garantendone reperibilità e tempestività. Attendiamo la risposta dell’Assessorato alla Salute con l’obiettivo di ottenere un sistema di assistenza e soccorso materno-infantile che sia sicuro, all’altezza delle esigenze delle donne nonché del corposo investimento finanziario della Regione.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.