Roberta Mori

Anilla Setti e l’importanza di un sorriso

Written By: robertamori - Ott• 02•17

(Castelnovo di Sotto, 1 ottobre) Alla presenza dei volontari e dell’Amministrazione comunale, l’Auser di Castelnovo ha dedicato il progetto “Telefono Amico – Dammi una mano ti ascolto” ad Anilla Setti, sua anima fondatrice, apponendo una targa in sua memoria presso la storica sede di via Conciliazione. Di seguito il mio messaggio:

“In occasione dell’intitolazione di una targa in ricordo di Anilla Setti (…) mi permetto di esprimere un pensiero all’indirizzo di una persona a me molto cara, ma ancor di più nei confronti di una donna esemplare che merita il riconoscimento per il suo impegno istituzionale, sociale, civico e politico dedicato al miglioramento delle condizioni materiali e personali di tanti concittadini. Ad ormai un mese dalla scomparsa ci appartiene il ricordo, ma anche la consapevolezza che ricordare Anilla significa ricordare tutte quelle presenze silenziose e forti che reggono il volontariato, che operano incessantemente per il bene della Comunità, senza barriere o pregiudizi, senza categorie o stereotipi. Semplicemente per passione civile, per motivazione ideale, per amore del prossimo. Per esserci e lasciare un’impronta incisiva nel breve passaggio che ci è dato, per essere utile … semplicemente.

(altro…)

L’amore del Liga per la nostra terra

Written By: robertamori - Set• 29•17

(Reggio Emilia, 28 settembre) Il concerto di Luciano Ligabue al Palabigi è stata una vera esplosione di reggianità. “Di solito mi chiedono quando torno a casa dopo i concerti, beh.. stasera non dormo in hotel”, ha detto dal palco. Perché Liga era a casa sua e voleva sottolinearlo, godendosi ogni attimo. Un grazie sentito va rivolto a lui e alle tante persone che hanno contribuito alla riuscita di una notte speciale, a sostegno di CuraRe Onlus per la realizzazione del MIRE (l’innovativo padiglione dedicato a Maternità e Infanzia i cui lavori inizieranno nel 2018) e della Fondazione Grade per l’acquisto della PET al reparto di Ematologia del Santa Maria Nuova. Ligabue ha ringraziato a sua volta chi assiste, chi cura, chi si dona agli altri. E ancora, scherzosamente: “non sono l’unica testa quadra stasera”.

Il concerto è stato arricchito dalle immagini del film che accompagna il tour «Made in Italy», coi volti noti di Stefano Accorsi e Kasia Smutniak in luoghi e spazi tra Correggio, Reggio Emilia, Novellara, Roma e Francoforte. Insomma, non solo una serata di grande musica e importante solidarietà -considerato che tutto il ricavato è devoluto a questi progetti di miglioramento delle cure e dell’offerta sanitaria non solo reggiana- ma una vera e propria dichiarazione d’amore per la nostra terra. Impossibile citare tutti gli amici e amiche, oltre ai rappresentanti delle Istituzioni, che hanno partecipato attivamente. Fra gli altri Roberto Abati direttore di Grade onlus, la presidente Deanna Ferretti Veroni e Roberta Castagnetti di CuraRe.

#donnedigitali2017, per un lavoro di qualità

Written By: robertamori - Set• 27•17

Sabato 30 settembre porto i saluti e l’impegno della Regione Emilia-Romagna negli spazi dell’Accademia Militare a Modena, dove è ambientata una nuova, ricca, giornata di formazione dedicata alle donne e all’innovazione tecnologica digitale, campo di enormi potenzialità per il lavoro presente e futuro. Con il consueto approccio pragmatico, sempre in collaborazione con Unimore, l’associazione EWMD di Modena e Reggio Emilia promuove Laboratori di oltre un’ora ciascuno nei quali si apprendono abilità relative al mondo dei social, siti web, APP e sicurezza informatica. Si tratta di competenze indispensabili ormai in ogni settore, diffuse ancora oggi in misura molto maggiore tra gli uomini a causa di stereotipi culturali di cui le donne stesse sono spesso portatrici. QUI si trovano informazioni e modalità di iscrizione ad un’iniziativa che ci impegniamo a sostenere ed estendere, per un’occupazione femminile di qualità, per professioniste sempre più consapevoli.

Quale autonomia per l’Emilia-Romagna?

Written By: robertamori - Set• 26•17

Sono stata invitata nella trasmissione mattutina di Telereggio, Buongiorno Reggio (guarda il VIDEO), a discutere del percorso già avviato dalla nostra Regione per ampliare e rafforzare le competenze dell’Ente cogliendo l’opportunità offerta dall’art. 116 della Costituzione. Con me nella diretta condotta da Susanna Ferrari, hanno argomentato su ‘regionalismo’ e autonomie il direttore di Tg Reggio Gabriele Franzini, il Sindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro in qualità di coordinatore provinciale dell’Anci e, in collegamento, il segretario della Lega Nord emiliana Gianluca Vinci. Rispetto a Lombardia e Veneto, che hanno indetto per il 22 ottobre un referendum consultivo (cioè non vincolante) che chiede se intraprendere il negoziato col Governo per maggiori autonomia e risorse, l’Emilia-Romagna ha scelto di presentare direttamente il progetto dopo averlo condiviso con la società nelle abituali sedi della concertazione e con i firmatari del Patto per il lavoro.

La differenza è tutta politica. Le due Regioni a guida leghista rivendicano il diritto di tenersi la ricchezza prodotta e chiedono il consenso popolare su una sorta di chimera secessionistica; la nostra Regione invece ritiene intoccabile l’unità e la solidarietà nazionale considerando al tempo stesso che l’Emilia-Romagna ha una situazione socio-economica positiva che può essere da traino alla crescita del Paese, a patto che possa incidere di più. Rimandando alla fase successiva, dell’intesa con il Governo, la quantificazione delle risorse tributarie di cui disporre, il progetto regionale punta a rafforzare 4 aree strategiche: Lavoro e formazione, Imprese, ricerca e sviluppo, Sanità, Governo del territorio e Ambiente. Significa, solo per fare alcuni esempi, più finanziamenti certi per lo sviluppo delle aziende e la salubrità dei prodotti, personale medico specializzato dove e quando serve o, ancora, una modulazione più equa dei ticket farmaceutici.