Roberta Mori

Quali tutele per le vittime di tratta?

Written By: robertamori - Apr• 12•19

(Bologna, 12 aprile) Ringrazio AIGA (associazione italiana giovani avvocati) e UDI-Unione Donne Italiane sezione di Bologna, per avermi invitato ad intervenire anche in rappresentanza della Regione Emilia-Romagna ad un Convegno che ha cercato di rispondere a questa drammatica questione. Il fenomeno di scala mondiale dell’Human trafficking rappresenta una delle più gravi forme di crimine e violazione della dignità umana che coinvolge ogni anno molte migliaia di persone. Ne sono vittime prevalenti donne, bambini e bambine. Ad oggi le vittime assistite in Italia nell’ambito di progetti finanziati dal Dipartimento per le PPOO sono 1.137 e di queste, il 90% sono donne per la maggioranza di nazionalità nigeriana costrette ad una sostanziale schiavitù sessuale. Nel 2018 i progetti anti-tratta italiani hanno però valutato 1.627 casi di potenziali vittime.

La nostra Regione – che dagli anni ‘90 porta avanti il progetto ‘Oltre la strada’ con una pluralità di misure di emersione, assistenza e reinserimento – è attiva anche nella Cabina di regia che sta riscrivendo il Piano di Azione nazionale contro la tratta e il grave sfruttamento 2019-2021. È meritorio interrogarsi sull’adeguatezza degli attuali strumenti di tutela, sia processuale che extraprocessuale, focalizzando quanto possono fare le diverse competenze in campo, compresi gli Enti locali e le Regioni e anche in termini di prevenzione. Moderati dalla professoressa Giancarla Codrignani hanno portato esperienze e proposte, tra gli altri, la Consigliera comunale di Bologna Federica Mazzoni, la referente pari opportunità Avv. Marta Tricarico e l’Avv. Antonietta Cozza del Foro di Bologna, il prof. Raffaele Tecce dell’Università romana di Tor Vergata, il pubblico ministero della DDA Procura bolognese Stefano Orsi.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.