Roberta Mori

Regioni e cambiamento, contro la violenza

Written By: robertamori - Nov• 29•18

(Udine) Nel Salone del Popolo del Palazzo comunale ho partecipato ad un evento organizzato dal Tavolo di Coordinamento della Casa delle Donne e dell’Associazione SeNonOraQuando? di Udine. Come in tanti territori anche in Friuli-Venezia Giulia cresce la voglia e la volontà di cambiare le cose, a vantaggio non solo delle cittadine ma della società nel suo complesso. Da qui l’invito al convegno “Azioni di contrasto alla violenza contro le donne in FVG: quale riforma per la legge regionale 17/2000”, dove ho relazionato come coordinatrice nazionale delle Commissioni regionali di pari opportunità circa le attuali normative in materia. Diversi report (ad esempio di ANCI o We World) evidenziano come le Regioni italiane stiano supplendo con proprie leggi o interventi alla mancanza di una normativa organica dello Stato, che assembli misure di sicurezza e tutela anche giudiziaria delle donne, con azioni formative, educative e culturali nonché con politiche di incentivo al protagonismo femminile economico, sociale, politico.

In questo ambito viene riconosciuto che la Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere dell’Emilia-Romagna, è esempio avanzato di quell’approccio integrato e olistico che serve: per una promozione di politiche strutturali efficaci di prevenzione e contrasto alla violenza maschile sulle donne e di empowerment femminile per una compiuta democrazia paritaria. Grazie per la competenza, l’entusiasmo e il sostegno ad Andreina Baruffini di “Senonoraquando? Udine” che ha introdotto l’iniziativa, all’Associazione “Voce Donna” di Pordenone, alla rete nazionale D.i.Re., a tutte e tutti gli amici friulani e in particolare agli insegnanti dell’Istituto tecnico Zanon che hanno rappresentato il dramma del femminicidio di una loro studentessa.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.